Stampa italiana

Eco di Bergamo – 27 maggio 2022

«Commissione bicamerale d’inchiesta sulla mancata zona rossa in Val Seriana»

L’associazione: È quanto chiedono i familiari  delle vittime che ieri hanno  tenuto una conferenza  stampa in Senato

Una commissione bicamerale d’inchiesta sulla mancata zona rossa in Valle Seriana e sulla gestione della pandemia. È quello che tornano a chiedere i familiari delle vittime, riuniti nell’associazione «Sereni e sempre uniti», che ieri ha tenuto una conferenza stampa in Senato. Per il senatore Gregorio De Falco (Gruppo Misto), tra i promotori della proposta, l’istituzione di una commissione d’inchiesta, è il «tentativo di riscattare un bene pubblico come quello della democrazia». «Questo sforzo – è la riflessione di De Falco – sarà seguito da un risultato minimo, lo sappiamo, ma questo non vuol dire che ci si debba voltare dall’altra parte. Per quello che è successo, sussistono delle responsabilità pubbliche, politiche e sociali: la commissione d’inchiesta serve per darne conto ai cittadini, soprattutto quando la magistratura vede una ragion di Stato e si ferma nell’accertamento delle responsabilità giudiziarie. La legislatura è quasi alla fine: ma la proposta di legge per una commissione bicamerale porrebbe un obbligo morale anche al prossimo parlamento». Per Rober Lingard, responsabile della comunicazione dell’associazione dei familiari delle vittime, «c’è stato un comportamento indecoroso da parte delle istituzioni nei confronti di decine di migliaia di morti». «E ci è giunta voce – chiosa Lingard – che qualche politico avrebbe commissionato dei dossier su di noi». «Una commissione parlamentare – spiega l’avvocato Consuelo Locati, alla guida del team legale – risponde al diritto dei cittadini di avere risposte da parte delle istituzioni: la politica deve rendere conto della gestione della pandemia. È necessaria la verità». «Sono stati violati anche dei regolamenti sanitari internazionali», ha ribadito Pier Paolo Lunelli, già generale dell’Esercito, al fianco dell’associazione.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.